Parco del Pollino, rinnovata l’Intesa con il CAI

La collaborazione andrà avanti per altri tre anni. Particolare attenzione a escursionismo, sentieristica, educazione ambientale rivolta ai più giovani e testimonianze degli insediamenti umani.

In cammino nel Parco del Pollino

16 gennaio 2020 - E’ stato rinnovato per ulteriori tre anni il Protocollo di collaborazione tra Parco Nazionale del Pollino e Club alpino italiano, consentendo ai Gruppi regionali di Calabria e Basilicata di proseguire le attività da tempo avviate nell’Area protetta.

Sono molteplici i campi di attività: dalla promozione di un moderno escursionismo, rispettoso del territorio e interessato a conoscerlo, alla predisposizione del Catasto dei Sentieri, dalla manutenzione dei percorsi al monitoraggio di rifugi e ricoveri per ridurre il più possibile ogni forma di inquinamento di aria, acqua e suolo.

Degni di nota, inoltre, il riferimento all’educazione ambientale dei giovani (l’intento è organizzare programmi escursionistici, sia per le scuole, che per i gruppi di Alpinismo giovanile delle Sezioni, che puntino su conoscenze naturalistiche e corretta fruizione di un’area protetta) e il censimento delle testimonianze degli insediamenti umani nel corso della storia.

Nell’ambito della collaborazione spazio anche all’attività speleologica e al soccorso alpino. CAI e Parco, infine, concorderanno insieme le zone riservate a palestre di roccia e arrampicata.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro