Presentato lo studio sulla nuova immagine coordinata della SAT realizzato da cinque studenti delle superiori

Gli alunni dell'Istituto Artigianelli impegnati nell'alternanza scuola-lavoro con il Sodalizio. Poche modifiche al logo, mentre grafica e impagninazione del Bollettino saranno più agili, moderne e accattivanti.

Da sinistra i 5 ragazzi protagonisti

18 gennaio 2018 - Hanno studiato per un paio di mesi per conoscere la storia della SAT, com'è vissuta, come viene percepita, quali strumenti utilizza per la propria comunicazione.

Loro sono Elisa Paoli, Tania Guarnieri, Vittoria Voltolini, Pietro Dalrì, e Stefano Soriani, i cinque studenti del primo anno dell'Alta Formazione Grafica dell'Istituto Artigianelli, i quali grazie ai dati raccolti tramite  un questionario distribuito tra i soci di tutte le sezioni, si sono cimentati nel proporre la nuova immagine coordinata della SAT.

Giovedì sera allo Spazio Alpino, presso la Casa della SAT in via Manci a Trento, hanno presentato alla presidente Anna Facchini alla Giunta, al Consiglio, a dipendenti e collaboratori il loro progetto riguardante l'immagine rinnovata del bollettino, del logo del sodalizio e di tutto il materiale cartaceo.

Lo studio fa parte dell'ultimo progetto in ordine di tempo, di alternanza scuola/lavoro che la SAT ha attivato lo scorso anno, in una intensa collaborazione con le scuole del Trentino di ogni ordine e grado, intrapresa grazie ad una convenzione siglata con IPRASE.

Il lavoro ha riscosso apprezzamenti da parte dei dirigenti e del direttore Claudio Ambrosi, promotore dell'iniziativa ed i ragazzi hanno preso nota di tutte le osservazioni e i suggerimenti che sono arrivati in merito a eventuali modifiche.

Una piccola rivoluzione all'interno di SAT, in quanto il primo studio sulla veste grafica del  bollettino si perde nella notte dei tempi.

E se per quanto riguarda il logo le caratteristiche rimangono più o meno le stesse, con qualche piccolo intervento sul disegno e sui colori, per quanto concerne il bollettino (il primo numero uscì nel 1904), la grafica e l'impaginazione saranno più agili e più moderne, con lo scopo di trasformarsi in un notiziario più accattivante anche nei confronti di un pubblico giovane.

Ora la nuova Commissione Comunicazione, la Giunta ed il Consiglio dovranno apportare le modifiche necessarie, l'idea della presidente Facchini sarebbe di uscire con il nuovo bollettino già a partire dal prossimo numero.

Segnala questo articolo su:


Torna indietro