Prevenzione: giornata didattica al rifugio Sebastiani

L’iniziativa è stata promossa dai volontari del CNSAS

Terminillo, un aspetto della giornata dedicata alla sicurezza

Erano in tantissimi – e molti i bambini – gli appassionati che hanno partecipato alla giornata del 5 agosto presso il rifugio Sebastiani sul Monte Terminillo dedicata alla sicurezza in montagna. Il Club Alpino Italiano di Rieti in collaborazione con la Stazione di Rieti e del Gruppo Regionale Lazio del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, in linea con la Campagna permanente per la prevenzione degli incidenti in montagna, ha ritenuto necessario promuovere la III edizione di una giornata dedicata alla diffusione della cultura della prevenzione nei vari campi specifici della frequentazione dell’ambiente montano. In questa giornata sono state spiegate tutte le opportune misure preventive per evitare incidenti o cosa fare in caso di difficoltà; il pubblico ha apprezzato con grandi applausi le spiegazioni chiare ed efficaci dei titolati del CAI, dei soccorritori e dei tecnici elicotteristi che hanno simulato con una spettacolare dimostrazione tutte le complicate operazioni di recupero di un ferito, imbragato su una barella e messo in salvo dai soccorritori a partire dal luogo dell’incidente simulato - un ripido strapiombo roccioso - fino al raggiungimento dell’elicottero del Centro Operativo Aereo Base di Rieti del Corpo Forestale dello Stato.

PERICOLI OGGETTIVI.Il forte vento ha reso tutto più complicato, e tutti hanno preso coscienza non solo dei pericoli oggettivi che possono esserci in montagna , ma anche della bravura dei piloti e del rischio dei volontari del Soccorso Alpino che prestano la loro vita e il loro tempo per salvare la vita degli altri. La giornata è stata molto apprezzata dal vice sindaco di Rieti Emanuela Pariboni presente per tutta la durata della manifestazione, insieme con il vicepresidente generale del CAI Goffredo Sottile. Presenti anche il presidente nazionale di Federtrek Paolo Piacentini e i due presidenti dei Gruppi regionali CAI del Lazio Luigi Scerrato e dell’Umbria Stefano Notari, nonché il personale del CFS della Scuola di Cittaducale con cui si è consolidata una proficua collaborazione in base anche all’accordo quadro nazionale CAI-CFS, firmato a Roma dai vertici, CAI e CFS, ad inizio anno.

UNITA' CINOFILE. La mattina è proseguita con la dimostrazione delle Unità Cinofile di Ricerca in Superficie del Soccorso Alpino del Lazio, Umbria e Marche. I cani di razze particolari (tra cui uno dei 4 rari bloodhound attivi in Italia hanno fatto la loro eccellente dimostrazione tra la gioia dei bambini; essendo cani con fiuto eccezionale, sono addestrati alla ricerca di dispersi da valanga o da macerie (frane e terremoti). Con i loro tecnici, per tre giorni sono stati al Terminillo per fare addestramento presso il rifugio La Fossa nella Valle degli Angeli, dove il 13 agosto è in programmail grande concerto di corni e percussioni con l’orchestra internazionale di corno francese. Dopo il pranzo all’aperto, offerto a tutti i partecipanti, nella zona antistante il rifugio Sebastiani, la manifestazione si è conclusa con un toccante concerto sull’erba di chitarra e violino delle bravissime musiciste  Flavia Succhiarelli e Maristella Focaroli. Con il suono e il vento, “Sicuri in montagna” ritornerà sul Terminillo il prossimo anno.


 

Segnala questo articolo su:


Torna indietro