Quattro Sezioni CAI dell'Italia meridionale fondano la Scuola di alpinismo "Bel Sud"

Le Sezioni CAI di di Napoli, Isernia, Piedimonte Matese e Bari hanno ufficializzato la fondazione il 26 novembre 2016 a Castel dell'Ovo: si tratta della prima scuola di alpinismo del Sud Italia, esclusa la Sicilia.

L'incontro a Castel dell'Ovo

29 novembre 2016 - Sabato 26 novembre nei locali della sede del CAI della sezione di Napoli a Castel dell’Ovo, si è realizzato un sogno. In una saletta da cui si vede il mare, con il Vesuvio sullo sfondo, un gruppo di soci del CAI, istruttori di alpinismo, scialpinismo e arrampicata libera provenienti da Campania, Molise e Puglia, si è incontrato e, sotto la guida dell’INA INSA Davide di Giosafatte, ha fondato la prima scuola di alpinismo del CAI dell’Italia meridionale (esclusa la Sicilia).

Giovani e meno giovani istruttori di grande capacità ed esperienza mettono così a disposizione di campani, molisani, pugliesi, lucani e calabresi la concreta possibilità di seguire corsi qualificati nelle materie alpinistiche senza doversi sobbarcare proibitivi soggiorni dall’altra parte del Paese.

L’attenzione alla qualità dell’insegnamento, caratteristica delle scuole CAI di tutt’Italia, è la cifra distintiva che il direttore designato Davide Di Giosafatte ed i promotori della costituzione, Mariano Arcaro e Antonio Di Palma insieme a tutto il corpo docente, hanno voluto dare alla neocostituita scuola “Bel Sud”.

Le sezioni del CAI che hanno patrocinato la nascita di questa scuola sono quelle di Napoli, Isernia, Piedimonte Matese e Bari: a loro va il merito di aver reso possibile questa iniziativa che certamente molto potrà fare per la pratica dell’alpinismo di qualità nell’Italia meridionale.

Una scuola è un contributo alla sicurezza della frequentazione della montagna, è un aggregatore di giovani, è un presidio di cultura alpinistica ed escursionistica: tutte le attività del CAI avranno beneficio dalla presenza di questa struttura che qualifica il territorio prima ancora delle persone.
Un grosso augurio a quanti hanno voluto intraprendere quest’avventura nel segno di un CAI che cresce e si qualifica sempre più come elemento che arricchisce il suo territorio.

CAI Napoli

Segnala questo articolo su:


Torna indietro