I Ragni di Lecco tentano l'impresa sulla parete est del Cerro Torre

Matteo della Bordella, Matteo Bernasconi e Matteo Pasquetto tentano l’impresa: il 26 gennaio proveranno la scalata della vetta simbolo della Patagonia. Da oggi su Youtube il video dedicato al tentativo dello scorso anno.

23 gennaio 2020 - L’associazione Ragni di Lecco ha fatto la storia dell’alpinismo mondiale. A gennaio 2019, i membri Matteo della Bordella e Matteo Pasquetto hanno tentato di salire lungo la parete est del Cerro Torre in Patagonia. L’obiettivo era quello di raggiungere la vetta della montagna passando attraverso il cosiddetto "diedro degli inglesi". L’impresa però non era riuscita, anche a causa di un infortunio di Matteo Bernasconi che non ha potuto scalare insieme ai suoi compagni. Ad un anno di distanza, i tre alpinisti tentano di nuovo l’impresa e il 26 gennaio proveranno a conquistare la vetta simbolo della Patagonia. “Forse la più bella, forse la più difficile”, scrive il gruppo in un comunicato stampa dedicato.

Le difficoltà e gli ostacoli da superare non mancheranno: "Primo tra tutti quello delle condizioni della parete che in questa stagione sono particolarmente difficili per via di precipitazioni al di sopra della media di queste terre note per il maltempo", scrive ancora l’associazione. "Faremo tutto il possibile per scalare questa parete con rispetto per la montagna ma anche con coraggio e determinazione, sempre seguendo il nostro stile e cercando anche di divertirci", dicono i tre alpinisti.

Allo stesso tempo, da oggi sul canale Youtube ufficiale è on-line il video dedicato al tentativo dello scorso anno. “E' il nostro modo per augurare loro buona fortuna", scrive l'associazione. si tratta del terzo appuntamento di "Ragni around the world", la rassegna che nell'arco di di 12 mesi prevede la messa online dei documentari realizzati nel tempo.

Matteo della Bordella e Matteo Bernasconi sono stati tra i protagonisti del rilancio degli ultimi anni. A luglio 2013 lo stesso Bordella, insieme a Luca Schiera, ha aperto una nuova via sulla Uli Biaho in Pakistan. Nel 2015 invece, Matteo Della Bordella, Matteo De Zaiacomo e Luca Schiera sfiorano l'impresa storica: scalano in libera, a vista e in stile alpino la parete Ovest del Bhagirathi IV nell’Himalaya indiano. Infine, Nell'estate australe del 2018 Matteo Della Bordella e Silvan Schuepbach riescono a conquistare la vetta del Cerro Riso Patron Sud in Patagonia.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro