Rinnovata la via ferrata “Ottorino Marangoni” della SAT di Mori

La conferenza di presentazione si è svolta mercoledì 17 settembre, l'inaugurazione ufficiale si svolgerà domenica 21 settembre 2014

Un tratto della via ferrata

All'incontro di mercoledì 17 settembre è stata presentata la rinnovata via ferrata Monte Albano “Ottorino Marangoni” che sarà inaugurata ufficialmente domenica 21 settembre a Monte Albano dalla SAT Sezione di Mori.

Alla conferenza era presente il Presidente della SAT Claudio Bassetti, il Presidente della Commissione sentieri Tarcisio Deflorian, il Sindaco di Mori Roberto Caliari e la Presidente della Sezione SAT di Mori Ester Pisetta.

L’idea di realizzare una ferrata nacque da alcuni soci della Sezione Sat di Mori, che nell'autunno-inverno 1975-76, in pochi mesi di entusiastico lavoro completarono l’opera e la inaugurarono il 19 marzo 1976. Da allora migliaia e migliaia di appassionati provenienti da tutta Europa e da molti stati del mondo hanno salito la via ferrata, lasciando positivi commenti sul libri firma, custoditi con cura nella sede della Sezione.
Il 12 settembre 1999 la SAT di Mori intitolò la ferrata al suo indimenticabile Presidente Ottorino Marangoni.

Per problemi di pericolosità e instabilità della roccia nel 2011 la via ferrata venne chiusa.
Negli anni successivi la commissione sentieri della SAT centrale predispone il progetto di rifacimento della ferrata che viene finanziato dalla Provincia autonoma di Trento, l’intervento viene realizzato dalla Primiero Disgaggi nella primavera 2014.

Il percorso di sviluppa sulla roccia per 550 metri con un dislivello di 300 metri con una corda d’acciaio 13 mm. Il tempo di percorrenza è di circa ore 2.30.

E’ una ferrata impegnativa ed a tratti molto esposta.
È obbligatorio essere muniti di kit da ferrata omologato, casco, scarpe ed abbigliamento adatti.
Il rientro viene effettuato per  comodo sentiero che da località Zele scende a Montalbano.

Segnala questo articolo su:


Torna indietro