Studenti delle medie alla scoperta della montagna con il CAI Sovico

A maggio 2016 è davvero soddisfacente il bilancio delle due uscite con gli alunni: quelli di seconda in Val di Mello e quelli di prima a Terz'Alpe.

Alunni con il CAI Sovico (foto di archivio)

La passione per la montagna si coltiva fin da giovani. Lo sa bene la sezione Cai Sovico che da tempo ha stretto una proficua collaborazione con le scuole cittadine per avvicinare i ragazzi alla montagna. Dopo le elementari, nell'anno scolastico 2015 - 2016 la collaborazione è stata estesa anche alle scuole medie.

A ottobre 2015 gli studenti di terza media sono stati protagonisti di un'escursione di due giorni in Val Biondino, mentre  a maggio 2016 una settantina di alunni di seconda sono stati portati in Val di Mello (con pranzo al rifugio Resega) e i ragazzi delle prime hanno fatto una gita a Terz'Alpe, sopra Canzo, percorrendo il suggestivo sentiero «Spirito del Bosco», disseminato di sculture in legno che hanno accatturato l'attenzione degli studenti.

Le gite sono state scortate da una squadra di 14 esperti del Cai che si sono alternati nelle varie uscite. «Due uscite stupende che hanno fatto scoprire la montagna ai ragazzi rimasti entusiasti - hanno spiegato i professori - Un'esperienza da riproporre anche per il prossimo anno».

L'atmosfera di contemplazione della natura ha coinvolto molto gli studenti tanto che qualcuno di loro, figli della generazione dei social e delle consolle, è uscito spontaneamente con una significativa frase: «La natura è meglio della Playstation...».

«E l'obiettivo è proprio quello di avvinicinare i ragazzi alla natura e alla montagna - ha detto Valter Zorloni, presidente del Cai - Devo dire che questo primo approccio con i ragazzi delle medie è stato molto positivo».

Fonte: Giornale di Carate

Segnala questo articolo su:


Torna indietro