Tre giovani della Valfurva sulla vetta del Fitz Roy (Patagonia)

Michele Colturi, Federico Martinelli e Federico Secchi hanno percorso la Super Canaleta: circa 1600m di dislivello su neve, ghiaccio e roccia, dove la traccia si incunea quasi nella parete rocciosa. In vetta anche il gagliardetto del CAI Valfurva.

I tre alpinisti in vetta

30 novembre 2018 - Buone notizie dalla Patagonia! La famosa Super Canaleta del Fitz Roy, una delle vie alpinistiche più belle e difficili della Patagonia (circa 1600 mt di dislivello su neve, ghiaccio, roccia, dove la traccia si incunea quasi nella parete rocciosa) è stata scalata nei giorni scorsi da tre giovani della Valfurva, le aspiranti guide alpine Michele Colturi, Federico Martinelli e Federico Secchi.

Partiti circa una settimana fa dall’Italia, hanno fatto base al piccolo villaggio di El Chaltèn, ormai famoso per essere il riferimento di tutti gli scalatori che puntano al Cerro Torre e al Fitz Roy. I ragazzi si sono preparati a dovere (la coppia Federico M. e Federico S. è stata in India quest’estate e insieme ad alcuni “colleghi” friulani e bellunesi hanno aperto una via sul Chareze Ri Nort).

Grazie alle condizioni meteo favorevoli sono riusciti ad arrivare sul picco con grandissima soddisfazione e con l’orgoglio di aver dato tutto il possibile per raggiungere questo obiettivo, anche quando ciò ha significato abbandonare le certezze della vita quotidiana (Michele, infatti, ha lasciato un comodo lavoro di ufficio per rincorrere il suo sogno di “montanaro”).

A questi giovani speranze del nostro alpinismo (italiano e della Valfurva) auguriamo il meglio per il futuro. Intanto sul Fitz Roy sventola, oltre al gagliardetto italiano, anche quello della sezione CAI di Valfurva, un riconoscimento al sodalizio alpino che ha recentemente festeggiato i 40 anni di attività.

Dopo questa conquista i ragazzi si fermeranno ancora qualche giorno in Patagonia e, sperando in qualche finestra di bel tempo, proveranno a divertirsi con qualche altra scalata nei dintorni!

CAI Valfurva

Segnala questo articolo su:


Torna indietro