Umbria, continua la formazione degli Accompagnatori CAI lungo gli itinerari compresi nel progetto "Ripartire dai sentieri"

A Colfiorito si è tenuto il Corso di Aggiornamento degli AE-C in sessione congiunta tra Marche, Lazio, Toscana ed Emilia Romagna. A Santa Anatolia di Narco è iniziato il III° Corso per Accompagnatori Nazionali di Escursionismo area centro sud isole.

Gli Accompagnatori a Santa Anatolia di Narco

20 novembre 2017 - Sabato 18 e domenica 19 novembre 2017 l’Umbria ha ospitato due corsi organizzati dalla Commissione Centrale Escursionismo e dalla Scuola Centrale Escursionismo, entrambe le manifestazioni sono state organizzate su itinerari presenti all’interno del progetto del CAI “Ripartire dai Sentieri”.

A Colfiorito presso la sede del Parco Regionale si è tenuto il Corso di Aggiornamento degli AE-C in sessione congiunta tra Marche, Lazio, Toscana ed Emilia Romagna e che è stato aperto anche alla partecipazione degli ASE-C. Oltre a quelli del Presidente del GR Marche Lorenzo Monelli, i partecipanti hanno ricevuto i saluti del Consigliere del Comune di Foligno Paolo Gubbini, presente in qualità di referente dell’Area Parco. La giornata ha visto la prima parte svolgersi in aula, lezioni sulla didattica, sulla frequentazione dei sentieri in sicurezza,  sui nuovi sistemi di mappatura (Georesq e Open Street Map) e sui percorsi storico-culturali, mentre nel primo pomeriggio gli allievi, hanno sostenuto la prova pratica in ambiente, con svolgimento di un'esercitazione sull'allestimento di un campo scuola, con relativo test tecnico. La giornata di aggiornamento è stata condotta, sotto la supervisione della SCE, nel costante confronto delle esperienze dei partecipanti di queste regioni, che per la prima volta hanno potuto discutere delle diverse specificità locali e ha rappresentato una momento molto importante per la crescita qualitativa del movimento Cicloescursionistico CAI; in particolare, si è scelto di indirizzare l'aggiornamento verso l'aspetto didattico-culturale dei Titolati, che deve sempre avere parte fondamentale nella formazione degli Accompagnatori.

A Santa Anatolia di Narco, nello splendido complesso abbaziale duecentesco di San Felice e Mauro si è tenuta la sessione iniziale del III° Corso per Accompagnatori Nazionali di Escursionismo area centro sud, che ha visto presenti Accompagnatori di primo livello di Emilia, Toscana, Lazio, Marche, Abruzzo, Umbria e Sicilia. Nella fase di verifica iniziale la SCE, presente al completo, ha puntato sul valutare la propensione didattica, tecnico-organizzativa e gestionale dei candidati. Si è verificata inoltre la capacità di valutazione e la preparazione tecnica e di cultura del CAI. Al mattino della prima giornata gli  AE hanno dovuto dimostrare le capacità e le conoscenze fondamentali per la conduzione di un gruppo, è stata inoltre preparata una prova tecnica dove non si è chiesto di effettuare le manovre di sicurezza ma di valutare una corda fissa già posizionate per una lezione e individuare gli errori fatti durante la posa da ipotetici docenti. La verifica è proseguita nei locali messi a disposizione dall’abbazia con i test ed i colloqui personali. La serata è terminata con il saluto del presidente del GR Umbria Paolo Vandone e del Sindaco di Santa Anatolia di Narco Tullio Fibraroli.

Nel giorno successivo, la parte formativa ha avuto come contenuti l’analisi delle varie specializzazioni dell’escursionismo moderno, la valutazione delle competenze richieste alla figura dell’ANE e sul suo ruolo nella direzione delle scuole. Si è proseguito con lo studio dei regolamenti, l’ordinamento e la costituzione di Scuole di Escursionismo, sugli adempimenti da seguire e le attività da farsi per la programmazione e gestione di un qualsiasi progetto escursionistico a partire da quello attinente alla conduzione di un corso di qualifica regionale o di un aggiornamento. Al termine nel tardo pomeriggio i candidati che hanno superato la verifica iniziale hanno ricevuto il progetto da sviluppare e presentare nella fase di verifica finale, che si terra a Roma ad inizio febbraio. In entrambi i corsi si è potuto apprezzare la professionalità dei componenti della SCE.

La CCE coglie l’occasione per ringraziare la SCE (Scuola Centrale di Escursionismo) per l’ottimo lavoro effettuato nell’organizzazione del corso per ANE, e per essere costantemente in linea con quanto richiestole, anche quando le tempistiche sono estremamente ristrette.  

Commissione Centrale di Escursionismo.

Segnala questo articolo su:


Torna indietro