Via degli Dei, riapre il sentiero del monte Gazzarro

Il ripristino del sentiero è stato possibile grazie al lavoro dei volontari del gruppo sentieri della sezione Cai di Firenze

foto di Alfio Ciabatti

03 agosto 2020 - Lo scorso Giovedì 29 luglio 2020 i volontari del Gruppo sentieri della Sezione CAI di Firenze hanno terminato i lavori per il ripristino del sentiero di cresta del monte Gazzarro. Il sentiero era stato chiuso per motivi di sicurezza nel mese di dicembre dello scorso anno. Le violente precipitazioni dell’autunno infatti avevano reso particolarmente scivoloso e instabile il passaggio facendo franare qualche tratto di sentiero rendendolo a rischio di incidenti.

Il sentiero che attraversa il monte Gazzarro è forse uno dei punti più belli e panoramici dell’intero Appennino. Per questo motivo è percorso giornalmente da numerosi escursionisti amanti delle grandi traversate. I grandi panorami che si godono sia verso la valle di Firenzuola che verso il Mugello, infatti lo rendono estremamente attraente.

Sul sentiero CAI 00 oggetto dell’intervento, passano vari percorsi: l’anello SOFT 12, il sentiero europeo E1, il Sentiero Italia CAI che percorre la penisola da nord a sud. Ma probabilmente è conosciuto ai più per il frequentatissimo cammino della Via degli Dei che collega Bologna e Firenze attraversando l’Appennino in cinque tappe. Inoltre per la bellezza dell’ambiente, su questo sentiero si corre anche l’oramai famosa garapodistica internazionale Ultra Trail Via degli Dei di 125 km da Bologna a Fiesole. Il tratto di sentiero in oggetto si trova tra la cima del monte Gazzarro a 1125 mt e la sella posta a 990 mt con il Poggiolino.

L’intervento straordinario è consistito nella posa di 96 gradini in legno preventivamente preparati che sono stati fissati a terra con ferri previa rimodellatura del terreno. Tutto il materiale preparato nella sede CAI di Firenze. Tutto il materiale, dai ferri ai gradini agli attrezzi, dal piccone alla mazza ed altri utensili, è stato portato alla croce del Gazzarro da un mezzo meccanico e dal fuoristrada del Gruppo Sentieri e da qui è stato portato a spalle con non poca fatica dai volontari CAI fino ai punti prestabiliti lungo il sentiero. I punti scivolosi e quelli parzialmente franati, sono stati migliorati mediante sistemazione del tracciato con lavoro di picconatura e sfrascamento. Contemporaneamente nei soliti giorni è stata ravvivata la segnaletica bianco rossa verticale e orizzontale lungo il percorso fino al passo dell’Osteria Bruciata.

Per fare l’intervento che ha portato alla riapertura del sentiero, sono state necessarie 11 giornate di lavoro. Sul campo, i volontari del Cai di Firenze coordinati dall’infaticabile Piero Lazzerini nei giorni tra la fine di giugno e la fine di luglio 2020. Molti volontari fanno parte del nuovo Gruppo CAI Mugello guidato da Romano Giappichelli che si sta dimostrando particolarmente attivo nella manutenzione della grande quantità di sentieri presenti sul territorio. Il Gruppo è aperto a tutti coloro che hanno a cuore il territorio, vogliono conoscerlo, valorizzarlo e frequentarlo consapevolmente. Per info romanogiappi@virgilio.it 347 011 1377 oppure mugello@caifirenze.it

Un particolare ringraziamento è per Daniele Farnetani del Camping il Sergente per il sostegno all’impresa e per aver messo a disposizione il mezzo meccanico per il trasporto del materiale fino alla croce del Gazzarro. La valorizzazione del Gazzarro avrà successivamente un altro momento importante con la ricostruzione della croce diventa dal maltempo che speriamo avvenga quanto prima. Possiamo affermare con soddisfazione che l’intervento del CAI Firenze è rivolto a tutta la collettività e darà maggiore sicurezza ai moltissimi escursionisti delle nostre montagne permettendo di frequentarle e conoscerle, godendo dei meravigliosi ambienti e panorami come patrimonio naturale immateriale unico", scrive  il Presidente Cai Firenze Giuseppe Alfio Ciabatti.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro