Gambrinus Mazzotti, Super Premio dei Lettori a “Più idioti dei dinosauri”

Il libro di Danile Scaglione, vincitore della sezione “Ecologia e paesaggio”, è stato preferito a “L’alpinismo è tutto un mondo” di Silvia Metzeltin e Linda Cottino (vincitore della sezione “Alpinismo”) e a “Arti e mestieri sull’Adige” di Giannantonio Conati (vincitore della sezione “Artigianato di tradizione”)

cerimonia 2022 gambrinus mazzotti

La cerimonia di premiazione © Premio Gambrinus "Giuseppe Mazzotti"

Con 21 voti su 40, la Consulta dei Lettori della 40esima edizione del Premio Gambrinus Giuseppe Mazzotti ha assegnato il Super Premio “La Voce dei Lettori” all’opera Più idioti dei dinosauri (Edizioni E/O) del divulgatore torinese Daniele Scaglione, già selezionato dalla giuria per la sezione “Ecologia e Paesaggio”.

Gli altri due libri premiati dalla giuria

L’opera è stata preferita a L’alpinismo è tutto un mondo dell’alpinista svizzera Silvia Metzeltin e della giornalista Linda Cottino (Club alpino italiano, 2022) premiato nella sezione “Alpinismo” (9 voti), e a Arti e mestieri sull’Adige. Dalle Valli tirolesi all’Adriatico dell’insegnante veronese Giannantonio Conati (Cierre Edizioni, 2021), premiato nella sezione “Artigianato di tradizione” (10 voti).
Il Super Premio è stato assegnato sabato scorso nel corso della cerimonia di premiazione organizzata a Treviso, nella Sala Borsa della Camera di Commercio di Treviso e Belluno | Dolomiti.

Gruppo vincitori gambrinus mazzotti 2022

I vincitori: da sx Mario Pozza, Daniele Scaglione, Silvia Metzeltin, Roberto Vittori, Giannantonio Conati, Linda Cottino e Pier Francesco Ghetti

La crisi climatica dentro alle nostre famiglie

In Più idioti dei dinosauri

«cambia la prospettiva, facendo entrare il problema del cambiamento climatico – sinora avvertito come “globale” e quindi spesso distante, di qualcun altro – nelle nostre famiglie: è questo il merito del libro», si legge nella nota del premio.

Il Premio Honoris Causa è andato, infine, a Roberto Vettori, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) che ha all’attivo oltre 35 giorni nello spazio e che quest’anno festeggia i suoi 20 anni di missioni spaziali.