Le Guide “Sentiero Italia CAI” vincono la sezione “Guide e mappe” del Premio Itas

La collana edita da Idea Montagna in collaborazione con il Club alpino italiano si contenderà il primo premio con i vincitori delle altre quattro sezioni. Appuntamento il 30 aprile a Trento

Vista su Campagneda e Alpe Prabello (SiCai lombardo) © Stefania Bonomini

«Le dodici Guide “Sentiero Italia CAI” rappresentano il frutto di una vera e propria operazione culturale. Francesco Cappellari, titolare della casa editrice Idea Montagna, in collaborazione con il Club alpino italiano, ha curato il progetto: si è trattato di coordinare 25 autori, lungo un percorso, unico in ogni sua parte, di oltre 7000 chilometri. Oltre 500 tappe, diverse varianti e una montagna che, dalla Sardegna al mare di Trieste, si esprime in una diversità straordinaria che è espressione della ricchezza naturale e culturale di un Paese speciale come l’Italia».

Con queste parole la giuria del Premio Itas del Libro di Montagna presenta la collana Sentiero Italia CAI, alla quale ha assegnato la sezione “Guide e Mappe” dell’edizione 2022. Le guide sono acquistabili sullo store online del Cai, singolarmente o tutte insieme nell’apposito cofanetto.

Record di partecipazione al premio

Un’edizione alla quale hanno partecipato, nelle cinque diverse sezioni, 149 opere da 70 case editrici. Un numero mai così alto nella storia della manifestazione.

Cervino. La montagna leggendaria di Hervé Barmasse si è aggiudicata la sezione “Alpinismo e sport di montagna”; Il pianeta di Greta di Alessandra Viola e Rosalba Vitellaro la sezione “Libri per ragazzi”; Giù in mezzo agli uomini. Vita e morte di Guido Rossa di Sergio Luzzatto la sezione “Ricerca e ambiente”; Il cercatore di luce di Carmine Abate la sezione “Vita e storie di montagna”.

Cofanetto_GuideSiCai

Il cofanetto della collana delle guide “Sentiero Italia CAI” © Cai

Il vincitore assoluto sarà annunciato a Trento

Questi cinque libri si contenderanno il primo premio, che sarà annunciato durante la serata di Premiazione, in programma il 30 aprile alle ore 18 a Trento, presso la Sala rappresentanza del Comune.

«Mai come quest’anno i giurati e la Compagnia condividono la voglia di migliorarsi stando al passo coi tempi, senza per questo trascurare la lungo storia che il Premio ha alle spalle», commenta Enrico Brizzi, presidente di giuria. «In tal senso c’è l’intenzione di sfruttare ancora di più i canali comunicativi e la tecnologia per garantire continuità e rilanciare il Premio a livello mediatico. Un altro obiettivo è quello di trovare una formula innovativa per sfruttare una biblioteca ricca e importante costruita in quasi mezzo secolo di storia. Vogliamo ridare voce a una teca vasta, un patrimonio di grande valore. Per farlo abbiamo in mente un progetto ambizioso: un Podcast che sappia raccontare il vissuto e i valori del concorso».

Maggiori informazioni saranno pubblicate sul sito: www.premioitas.it