«Nessun accordo con chi distrugge la montagna»

Il Cai Castelnuovo Garfagnana fa chiarezza dopo la firma di una convenzione tra il comune di Vagli di Sotto e la Società Cave Carcaraia, smentendo l'esistenza di un ipotetico accordo economico per la manutenzione del sentiero interessato dalla Cava Carcaraia

Cava Carcaraia

La Cava Carcaraia innevata © Giacomo Donati

«Riteniamo assolutamente necessario fare chiarezza relativamente alle informazioni riguardanti i progetti delle società estrattive operanti nel territorio apuano nei quali siamo stati coinvolti inconsapevolmente».
Si leggono queste parole nella nota del Cai Castelnuovo Garfagnana diffusa dopo la firma della “Convenzione per regolare gli interventi previsti dai P.A.B.E. e le correlate opere ed interventi di interesse pubblico e il monitoraggio delle lavorazioni”, stipulata tra il Comune di Vagli Sotto e la Società Cave Carcaraia srl (repertorio n. 313 del Comune). Il documento riguarda le attività estrattive della Cava Carcaraia.

Le inesattezze denunciate dalla Sezione

Nel testo all’articolo 10, comma 3, si obbliga il soggetto attuatore, ovvero la Società Cave Carcaraia srl, a

«mantenere e mettere in sicurezza il sentiero Cai n. 177 nel tratto interessato dal sito estrattivo, ai fini della sua tutela e valorizzazione, e per cui, in particolare, la Società esercente deve concludere un accordo con la Sezione Cai responsabile del sentiero».

Non solo, il Cai Castelnuovo Garfagnana è venuto a sapere che nel Piano di coltivazione, presentato da Cave Carcaraia srl,

«viene preventivato un accordo in corso con la Sezione Cai locale nel quale sarebbero offerti 500 euro all’anno per 10 anni affinché i volontari della stessa Sezione possano accedere agevolmente, tramite la viabilità di cava, al sentiero per le ordinarie manutenzioni annuali».

Cava Carcaraia-Monte Tambura

La Cava Carcaraia dalla cime del monte Tambura

«Escavazione contraria alla nostra missione»

«Non raggiungeremo mai un accordo di alcun genere, economico o di altra natura, con chi fa dello sfruttamento della montagna la sua distruzione», si legge nella nota della Sezione che si dichiara all’oscuro di tutto. «Una delle principali missioni istituzionali del Cai, la difesa dell’ambiente naturale della montagna, è fissata nel punto 5 del Bidecalogo, ovvero sostenere il principio del divieto assoluto di escavazione di materiali (marmi, dolomia, inerti, etc). Si ritiene che il consumo delle Alpi Apuane sia una attività contraria alla nostra missione e, pertanto, la Sezione Cai di Castelnuovo prende le distanze da ogni qualsivoglia coinvolgimento con soggetti che non rispettino i principi di tutela dell’ambiente montano».

La sezione Cai “Roberto Nobili” di Castelnuovo Gargagnana è, continua la nota, «un’istituzione presente da oltre 30 anni su questo territorio, con lo scopo di valorizzare le realtà naturalistiche attraverso attività di avvicinamento e scoperta delle bellezze ambientali a noi vicine. Ci proponiamo come mediatore di servizi atti far vivere le nostre valli e montagne come luoghi di frequentazione da parte di grandi e piccini, appassionati e neofiti. La nostra Sezione crede di avere un ruolo nella funzione di monitoraggio e difesa del proprio territorio. Le Alpi Apuane con le loro peculiarità geologiche, il loro aspetto grandioso dai profili titanici e all’apparenza intoccabili, nascondono un ambiente delicato e fragile nei suoi equilibri. Proprio in questo periodo di riscoperta, la nostra Sezione si trova a dover svolgere ancor di più la sua attività di tutela delle maestose Apuane, da molti anni interessate da attività estrattive che impoveriscono sempre più l’ambiente naturale montano. Citando il sito ufficiale Cai, possiamo anche noi affermare che “Oggi la montagna soffre di un turismo di massa e uno sfruttamento indiscriminato di tutte le sue risorse. La tutela di queste risorse, il rispetto e lo sviluppo sostenibile sono un dovere. Un dovere che il Club alpino italiano, riconosciuto dal Ministero dell’Ambiente quale associazione ambientalista di interesse nazionale, ha nel cuore”».

La chiara presa di posizione del Cai Castelnuovo Garfagnana si inserisce nel contesto delle osservazioni fatte dalla Commissione regionale tutela ambiente montano del Cai Toscana, in collaborazione con il Gruppo regionale e con la referente della Commissione centrale Tam per la Toscana Riccarda Bezzi, relativamente al procedimento di Valutazione di impatto ambientale per la Cava Carcaraia, attualmente all’esame del Parco regionale Alpi Apuane.