Passy è città alpina dell’anno 2022

Il 14 ottobre 2022 la città francese di Passy, in Alta Savoia, ha festeggiato il titolo di “Città Alpina dell’anno 2022”. All'evento ha partecipato anche il sindaco di Biella, Claudio Corradino

Un monento della cerimonia © Città alpina dell'anno

Il 14 ottobre 2022 la città francese di Passy, in Alta Savoia, ha festeggiato il titolo di “Città Alpina dell’anno 2022” insieme alle delegazioni di altre città appartenenti all’omonima associazione e a numerosi cittadine e cittadini di Passy. Il sindaco Raphaël Castéra ha presentato le iniziative già realizzate nonché quelle future volte allo sviluppo sostenibile della città. Una cucina comunale, la qualità dell’aria, l’efficienza energetica, la gestione di aree naturali sensibili: ecco i quattro punti principali sui quali concentra la sua azione la Città Alpina di Passy. Il tutto è stato identificato nel quadro di un ampio processo partecipativo che ha coinvolto la popolazione. All’evento ha partecipato anche il sindaco di Biella, Claudio Corradino. Il comune piemontese ha ricevuto il riconoscimento città alpina 2021.

La città è attiva anche nell’ambito del turismo. Il Centro di eccellenza per il turismo “Montagna inventiva” dell’Università della Savoia Mont Blanc è stato incaricato di sviluppare un’offerta turistica responsabile e creativa, nel pieno rispetto della natura e con un orientamento alla mobilità dolce. Passy non manca di organizzare occasioni di scambio di idee, quali per esempio il Salone del libro di montagna, per il quale è in essere una cooperazione con le città di Briga-Glis (Svizzera) e Trento (Italia), oppure dei laboratori e delle conferenze, come i “Mercoledì per il clima”.

La cerimonia serale 

In occasione del riconoscimento, la città ha organizzato una cerimonia alla quale hanno partecipato circa 250 persone. Oltre alla presentazione dei progetti e delle attività della città, sono saliti sul palco diversi artisti locali che hanno presentato le loro opere: progetti video, un performer, dei giovani musicisti emergenti, un’orchestra di fiati locale e una danzatrice di danza contemporanea. A conclusione, la cucina comunale appena avviata ha allietato gli ospiti con specialità culinarie provenienti da tutti i Paesi alpini.

Riconoscimento e associazione “Città Alpina dell’anno”

Dal 1997 le città dello spazio alpino che realizzano in maniera esemplare e paritaria gli interessi dell’economia, dell’ambiente e del sociale nel proprio comune – in linea con i dettami della Convenzione delle Alpi – vengono premiate da una Giuria internazionale con il titolo di “Città Alpina dell’anno”. Il titolo costituisce da un lato un riconoscimento per le politiche finora adottate da una città, dall’altro vuole anche essere un incoraggiamento e un impegno a proseguire con decisione la via intrapresa.