Il nuovo presidente del Cai Pordenone

Giovedì 14 ottobre,  l’assemblea elettiva della Sezione di Pordenone ha nominato il nuovo presidente, l’Avvocato Lorenzo Marcon. 39 anni, Marcon ha già ricoperto in passato diversi incarichi sezionali

A sinistra, il nuovo presidente del Cai Pordenone Lorenzo Marcon, a destra il presidente uscente Grazia Pizzoli © Cai Pordenone

Giovedì 14 ottobre,  l’assemblea elettiva della Sezione di Pordenone ha nominato il nuovo presidente, l’Avvocato Lorenzo Marcon. 39 anni, Marcon è iscritto alla Sezione Pordenonese dal 1992. Titolato di Escursionismo e di Alpinismo Giovanile, ha già ricoperto in passato diversi incarichi sezionali come Vice Presidente, Coordinatore delle attività di AG, e Vice Direttore della Scuola Intersezionale di Alpinismo Giovanile “Monte Cavallo”.

Insieme alla Vice Presidente Anna Ulian e agli altri sette consiglieri Davide Colledan, Giovanni Cozzarini, Stefano Fabris, Roberto Faggian, Barbara Ferraio, Andrea Gerometta, e Paolo Mariuz, Marcon vuole centrare il lavoro del nuovo Consiglio Direttivo su tre punti fondamentali, scrive il Cai Pordenone. Prima di tutto, il «coinvolgimento e la partecipazione dei soci», perpetrato attraverso le commissioni Sezionali che vedono un aumento: sia delle richieste da parte degli appassionati delle terre alte, che delle attività proposte (sono state appena costituite la commissione Tutela Ambiente Montano ed il Comitato Scientifico Culturale). I numeri sono elevati, con oltre 1.700 soci iscritti.

Il secondo obiettivo è la conclusione dell’iter di passaggio al terzo settore. Una traversata che porterà il sodalizio a scoprire nuove opportunità ma che richiede una sempre maggiore attenzione sia sul piano contabile che regolamentare.

«Il Presidente, anche a nome dei consiglieri, vuole rivolgere due ringraziamenti: il primo ad Alleris Pizzut che sta per ultimare il suo secondo mandato da Consigliere Centrale ed ha sempre trovato il tempo e le energie per essere protagonista nella vita della Sezione; il secondo – ma non per importanza – al Direttivo uscente, ed in particolare Grazia Pizzoli, per il lavoro svolto – un’opera avvalorata ulteriormente perché prestata con incredibile entusiasmo ed efficacia nonostante le restrizioni della pandemia», si legge nel comunicato stampa .