Quattro webinar su montagna, alpinismo, editoria e meteorologia

Il ciclo è organizzato dal Cai Sulmona. Via domani con Stefano Ardito che parlerà del primo tentativo di vetta dell'Everest di cento anni fa

Everest

L’Everest dal campo-base tibetano © Stefano Ardito

La prima spedizione che tentò la vetta dell’Everest cento anni fa sarà il tema del primo dei quattro webinar organizzati dal Cai Sulmona. Appuntamenti programmati sempre alle 21, a cui si potrà partecipare su Zoom o collegandosi alla pagina Facebook della Sezione. Si parlerà non solo di alpinismo, ma anche di editoria e comunità montane.

Everest, cento anni fa

“Everest, cento anni fa” è in programma domani sera e avrà come relatore Stefano Ardito, autore di un libro sull’argomento e anche dell’articolo su questa ricorrenza pubblicato sul numero di questo mese della rivista Montagne360 (pag. 18). Per partecipare al webinar sulla piattaforma clicca qui.

La montagna attraverso i libri di Marco Albino Ferrari

Il secondo appuntamento, in programma martedì 30 marzo, prevede l’incontro con lo scrittore e giornalista Marco Albino Ferrari, che parlerà della letteratura di montagna e dei suoi ultimi libri: Freney 1961, Il vuoto alle spalle e Mia sconosciuta. Per partecipare su Zoom clicca qui.

Appennino, tra passato e futuro

Martedì 13 aprile sarà protagonista l’Appennino: in programma un dibattito a cui prenderanno parte il sopracitato Stefano Ardito (giornalista e scrittore), Emilio Chiodo (professore dell’Università di Teramo e autore di diversi studi su questo tema) e Antonio Carrara (Sindaco di Pettorano e ex Presidente del Parco Nazionale Abruzzo Lazio Molise). Per partecipare su Zoom clicca qui.

La meteorologia per frequentare in sicurezza l’ambiente montano

Il ciclo si concluderà martedì 20 aprile con una serata su meteorologia alpina e appenninica e utilizzo delle previsioni per frequentare in sicurezza l’ambiente montano. Il relatore, Filippo Thiery, approfondirà gli aspetti operativi, per fornire gli strumenti necessari per una corretta interpretazione e un utilizzo evoluto e consapevole dei bollettini meteorologici nella pianificazione di una escursione o via alpinistica. Spazio anche alla capacità di osservare il cielo durante l’escursione stessa, per cogliere i segnali del tempo che cambia. Per partecipare su Zoom clicca qui.