Solidarietà del Presidente generale Montani per le intimidazioni contro Forestas a Lanusei

"La violenza e le minacce non fermeranno il proficuo lavoro fatto insieme"

Escursionisti sul Sentiero Italia CAI © Pagina Facebook Sentiero Italia CAI

«Esprimo la più ferma condanna di questi gesti segno di viltà e codardia. Non saranno la violenza e le minacce a fermare il proficuo lavoro fatto insieme per il rilancio dei percorsi escursionistici». Così il presidente generale del Cai Antonio Montani ha espresso la sua solidarietà per gli atti intimidatori a Lanusei contro Forestas e Michele Puxeddu, direttore del servizio territoriale dell’Agenzia regionale. In Olgiastra Forsetas e CAI hanno infatti stretto un patto per la riqualificazione del Sentiero Italia CAI attraverso iniziative e azioni di valorizzazione degli ambienti naturalistici.