Una sottoscrizione per la ristrutturazione del Rifugio Puliti

Al Cai Pietrasanta mancano circa 20mila euro per concludere i lavori. L'obiettivo è far diventare il rifugio posto tappa della variante apuana del Sentiero Italia CAI

Tutti uniti per il puliti

“Tutti uniti per il Puliti”: è questo il nome che il Cai Pietrasanta ha dato alla raccolta fondi indetta per completare i lavori di ristrutturazione del Rifugio “Adelmo Puliti”. La struttura è situata in località Case Giannelli, a pochi minuti da Arni, nel comune di Stazzema.

«Da tempo siamo impegnati nei lavori di messa in sicurezza e adeguamento del rifugio», spiega il presidente della Sezione Francesco Battistini, che ha scelto il titolo della sottoscrizione insieme ai consiglieri. «Dopo la realizzazione negli anni scorsi della monorotaia di servizio per il trasporto dei rifornimenti e dell’allaccio alla rete idrica, ora intendiamo rendere la struttura in grado di diventare posto-tappa per la variante apuana del Sentiero Italia CAI. Questa variante, di recente approvata dal Cai nazionale, nei prossimi anni diventerà sicuramente di grande importanza per l’escursionismo».

La maglietta-simbolo dell’iniziativa può essere già acquistata con un contributo minimo di 20 euro.

Magliette Tutti uniti per il Puliti

Le magliette esposte nella bacheca della sede sezionale © Cai Pietrasanta

Il rifugio resterà chiuso questa estate

Battistini è convinto che il rilancio del Rifugio Puliti sia un’ottima occasione per «creare nuove opportunità lavorative per chi decide di investire nel turismo montano, settore attualmente in forte ascesa. Non per questa estate, però, visto che i lavori devono essere ancora conclusi, motivo per cui la struttura resterà ancora chiusa».
Ad oggi si è infatti conclusa solo la prima fase dei lavori previsti per il restauro dello stabile, che hanno compreso la riparazione della trave principale del sottotetto e la manutenzione straordinaria agli intonaci, agli infissi e all’impianto elettrico del secondo piano.

«Questi lavori hanno avuto un costo di circa 20mila euro, ovvero tutti i risparmi che la Sezione aveva accumulato in molti anni. Nei mesi scorsi siamo fortunatamente riusciti ad ottenere un importante finanziamento dal “Fondo pro-rifugi” del Cai centrale, che ci consentirà di dare il via alla seconda e più importante fase dei lavori».

La sottoscrizione indetta per la seconda fase dei lavori

Saranno rinnovati completamente sia la cucina che i bagni e sistemato l’impianto di smaltimento liquami,

«per un importo stimato totale che ci vede al momento ancora carenti di ben 20 mila euro. Abbiamo quindi pensato di promuovere una campagna di sottoscrizione per raccogliere i fondi necessari tra i nostri Soci, e anche tra i fruitori della montagna, gli enti e le amministrazioni locali, o semplicemente tra tutti coloro che ritengono l’iniziativa meritevole di sostegno. Nei prossimi mesi ci impegneremo al massimo per trovare altre fonti di finanziamento, partecipando ai relativi bandi che verranno emessi, ma ciononostante ci sentiamo in dovere di rivolgerci a chi può aiutarci a portare a termine quanto iniziato nei mesi scorsi. Ci rendiamo conto, naturalmente, che l’attuale situazione economica non è la più indicata per fare appello alla generosità pubblica, ma vogliamo comunque presentare a tutti questa richiesta, nella speranza che essa produca frutti soddisfacenti, contribuendo ad una migliore fruibilità della montagna dell’Alta Versilia».

Le modalità per acquistare la maglietta sono presentii sul sito e sulla pagina Facebook e il profilo Instagram sezionali.