Una valanga si stacca dal lato trentino della Marmolada

La slavina si è abbattuta sul rifugio Pian dei Fiacconi a 2626 metri e su un impianto sciistico della zona del passo Fedaia

Un’immagine tratta dal video del soccorso alpino © CnSaS

Nella giornata di ieri, una grande valanga si è staccata dal versante trentino della marmolada. La slavina si è abbattuta sul rifugio Pian dei Fiacconi a 2626 metri e su un impianto sciistico della zona del passo Fedaia. Fortunatamente non ci sono personeo coivolte, essendo il rifugio chiuso.

Un fronte alto quasi 600 metri

La notizia è stata data questa mattina, proprio perchè il gestore si è accorto che la struttura è stata completamente sepolta  sotto una massa di neve. La slavina aveva un fronte alto quasi 600 metri.  «Lo ha preso in pieno – spiega lo storico gestore Guido Trevisan – ha scoperchiato le camere e le ha girate sopra il tetto della sala sfondandola. Quindi metà è distrutto e l’altra metà è da demolire. Muri spostati 10 centimetri a valle. Vent’anni di vita buttati”., racconta al Dolomiti Trevisan.

Il Soccorso alpino dell’alta val di Fassa ha inviato immediatamente una squadra per verificare che non vi fossero auto nel parcheggio a valle e dunque scongiurare l’eventuale presenza di escursionisti.