50mila euro per i progetti delle Sezioni Cai con le scuole

Entro il 30 novembre 2022 le Sezioni possono chiedere al Cai centrale un contributo fino a 2mila euro per i progetti di turismo sostenibile montano realizzati in collaborazione con istituti scolastici e università

Una terza media di Ponte delle Alpi al Col dei Bos con il Cai Belluno © Cai Belluno

Sostenere i progetti di turismo sostenibile montano in ambito scolastico organizzati dalle Sezioni Cai in collaborazione con le scuole di ogni ordine e grado e le università.
Questo l’obiettivo del bando, approvato dal Comitato direttivo centrale del Club alpino italiano, che stanzia 50mila euro, nell’ambito del fondo straordinario del Ministero del Turismo, a favore delle Sezioni per l’attuazione di progetti di educazione ambientale, che comportino uscite in ambiente montano o nei siti Patrimonio Unesco.

Progetti da svolgere entro il 30 novembre 2022

I progetti possono essere articolati anche su più attività, che devono essere svolte entro il 30 novembre 2022. Il contributo massimo erogabile a favore di ogni Sezione è di 2mila euro.
Entrando nel dettaglio, le spese ammissibili possono riguardare il vitto e l’alloggio nei rifugi, il noleggio di pullman o l’acquisto di biglietti per altri mezzi di trasporto, i materiali per lo svolgimento di attività in ambiente, gli oneri assicurativi (quando necessari), il rimborso spese di viaggio dei volontari e servizi come ingressi nei musei e partecipazione a manifestazioni.

Classe 2 Badilet lezione sulla farfalla

I bambini della seconda primaria di Badilet in aula con il Cai Belluno © Daniela Mangiola

L’educazione alla cittadinanza dei più giovani

«Con questo bando intendiamo favorire l’encomiabile impegno delle nostre Sezioni per coinvolgere alunni giovani e giovanissimi in esperienze formative di educazione alla cittadinanza», afferma il Presidente generale del Cai Antonio Montani. «Un’educazione che sono convinto debba passare attraverso la consapevolezza dell’importanza dell’ambiente come risorsa collettiva di cui prendersi cura, da tutelare e da conoscere».

Le domande di contributo devono essere presentate entro il 30 novembre 2022.
Per tutte le informazioni clicca qui.