Giovani di tre regioni sui “Sentieri di amicizia”

Lo scorso fine settimana i ragazzi dell'Alpinismo giovanile delle Sezioni di Amatrice, Ascoli e Parma hanno camminato sui sentieri dei Sibillini e dei monti della Laga, oltre a essere coinvolti in attività culturali e ricreative

Sentieri amicizia Gruppo

Foto di gruppo dei partecipanti © Cai Amatrice

Tre giorni insieme per rinsaldare l’amicizia tra i ragazzi dell’Alpinismo giovanile delle Sezioni Cai di Amatrice, Parma ed Ascoli Piceno. L’iniziativa “Sentieri di amicizia” del Cai amatriciano è stata incentrata sull’escursionismo, sul camminare insieme sui sentieri dei Monti Sibillini e della Laga.

In cammino tra il Vettore e il lago di Campotosto

Nella giornata di sabato 26 giugno, sui Sibillini, gli accompagnatori del Cai Ascoli Piceno hanno studiato due diversi percorsi: i più grandi hanno raggiunto la cima del Monte Vettore. I più piccoli hanno invece effettuato un anello con vista sul pian grande di Castelluccio, attraverso Macchia Cavaliera. I due gruppi si sono poi riuniti per il ritorno a Forca di Presta.
Domenica 27 è stata dedicata alla scoperta del lago di Campotosto, nelle cui acque si specchiano Monti della Laga e Gran Sasso, e alla conoscenza dell’antica arte della tessitura. Assunta Perilli ha infatti raccontato la sua storia e ha fatto provare il telaio a tanti giovani incuriositi da questo strumento antico.

Sentieri amicizia scuola

I ragazza all’esterno della nuova scuola di Amatrice © Cai Amatrice

I giovani parmensi ospitati nella nuova scuola “Sergio Marchionne”

Ma “Sentieri di amicizia” non è stato solo escursionismo. I giovani parmensi, al loro arrivo venerdì 25 giugno, sono stati accolti dalla Sezione di Amatrice che ha potuto usufruire degli spazi esterni e della palestra del nuovo istituto scolastico “Sergio Marchionne”. Questo grazie al patrocinio del Comune di Amatrice, alla disponibilità della dirigenza scolastica e al supporto della Caritas.
La giornata è stata dedicata al montaggio delle tende, a esperimenti scientifici, alle presentazioni e allo scambio di doni. Il Comune di Amatrice ha voluto omaggiare gli ospiti con una riproduzione dell’antica moneta conosciuta come Cavallo di Amatrice.

«In tre giorni quindi i giovani hanno quindi calpestato il suolo di tre regioni del centro Italia (Lazio, Marche ed Abruzzo), hanno giocato e mangiato insieme e, anche se ancora distanziati e con le mascherine, hanno iniziato a riprendere confidenza con la montagna e con le infinite possibilità di gioia e libertà che riserva», commentano dal Cai Amatrice.