L’impegno del Cai La Spezia per i giovani, le scuole e i disabili

In corso diversi progetti, in gran parte all'insegna della Montagnaterapia, con le scuole medie e superiori della città. Gli alunni sono andati sui sentieri con i propri compagni con difficoltà motoria, accompagnati con la Joelette

Sp Scuola Mazzini

I ragazzi del Liceo Mazzini durante un’uscita © Cai La Spezia

Scuola, Scout, Montagnaterapia e disabilità: ambiti che vedono un importante impegno del Cai La Spezia, che ritiene fondamentale offrire un valido percorso formativo ai più giovani.

Le uscite con le quarte del Liceo Mazzini

Nell’ambito del Progetto di PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento) “Lavoro e Montagnaterapia”, la Sezione ha coinvolto una sessantina di alunni di quarta del Liceo Mazzini. Gli Accompagnatori della Sezione li hanno portati lungo i sentieri della Rete Escursionistica Ligure limitrofi alla scuola per promuovere nei loro confronti gli stili di vita corretti per la salute ed eco sostenibili, oltre alla conoscenza del territorio, sia dal punto di vista ambientale che culturale. Sempre con il Liceo Mazzini, nell’ambito del Progetto di Montagnaterapia “Un Sentiero per Tutti”, si sono svolte uscite con due classi aventi studenti disabili motori. Questi ultimi sono stati accompagnati, con l’ausilio della carrozzina Joelette, sul sentiero 504 (via vecchia di Biassa) e al Parco della Rimembranza. Naturalmente insieme ai compagni.

Sp Scuola Piaget

Sui sentieri con gli alunni della media Piaget © Cai La Spezia

Continuano le escursioni con la scuola media Piaget

Con i giovanissimi della scuola media Jean Piaget nei prossimi giorni sono previste due uscite. «Sempre con l’ausilio di Joelette ci recheremo al Colle del Telegrafo per raggiungere il Santuario di Ns Signora di Montenero e, successivamente, alla Grotta di Bocca Lupara», affermano dalla Sezione.

Sp Scout Agesci

Le iniziative rivolte agli Scout © Cai La Spezia

Scout e Centro Provinciale Istruzione Adulti

L’approfondimento della conoscenza del territorio, la manutenzione di un percorso nell’ambito di “Adotta un Sentiero”, la gestione ed organizzazione di un’uscita su sentiero con disabile motorio e Joelette sono gli obiettivi delle iniziative rivolte agli Scout Agesci.
Infine, con il Centro Provinciale Istruzione Adulti ha preso il via in questi giorni la seconda fase del progetto “Adotta un sentiero”, che ha previsto una ricognizione della scalinata /sentiero numero 523 (che sarà adottato dalla Scuola) che collega Pegazzano con il forte Bramapane sul monte Verrugoli.