Ram, rifugi aperti del Mediterraneo. Il racconto della giornata

"L’accoglienza gioviale e fraterna da parte del CAI, Sezione Vallelonga Coppo dell’Orso, gestore del Rifugio Coppo dell’Orso, che ha curato con impegno e dedizione l’evento in ogni minimo dettaglio"

Un momento dell’iniziativa © Cai Abruzzo

Domenica 26 settembre 2021, Villavallelonga ha avuto l’onore di ospitare 130 amanti della montagna, soci Cai, e non, provenienti da diverse Regioni italiane che, con entusiasmo, hanno preso parte all’evento “RAM, Rifugi aperti del Mediterraneo”, avviato da Marcello Borrone, componente della Commissione Centrale Rifugi e Opere Alpine e sostenuto dal Club Alpino Italiano Abruzzo, che ha la finalità di valorizzare la funzione del rifugio nell’Appennino come presidio culturale.

Il racconto della giornata

La toponomastica di Villavallelonga è carica di una varietà di significati. Alcune denominazioni sono legate alla storia, all’azione delle acque, alla superstizione, ai nomi di persona o di Santi, altre, invece, hanno un riferimento alla flora locale e alla presenza della fauna come, ad esempio, il Coppo dell’Orso, che dà il suo nome al Rifugio, situato a 1870 metri, il quale è stato l’assoluto protagonista dell’evento.

«L’accoglienza gioviale e fraterna da parte del CAI, Sezione Vallelonga Coppo dell’Orso, gestore del Rifugio Coppo dell’Orso, che ha curato con impegno e dedizione l’evento in ogni minimo dettaglio e dimostrandosi, come sempre, speciali “padroni di casa”, è stata il preludio di quella che è stata un’esperienza da rivivere», racconta Francesca Ricci, Socia Sezione Cai Vallelonga Coppo Dell’Orso.

«Ben presto si è cominciati a salire e ad un certo punto del sentiero Q9, ripristinato eccellentemente e risegnato accuratamente nei giorni precedenti dai soci del CAI Vallelonga – Coppo dell’Orso, si è potuta ammirare la valle sottostante e le montagne circostanti. La Piana d’Angro in fondo, appariva piccolissima».

Gli escursionisti, oltre a godere del panorama mozzafiato e ad assaporare i baci dei raggi di sole settembrini, caldi, morbidi e pieni di nostalgia,  hanno ascoltato gli interventi di Eleonora Saggioro, Presidente dell’Associazione dei Rifugisti dell’Appennino (AGRA) e gestore del Rifugio Vincenzo Sebastiani al Velino, intervistata da Paolo Castignani, su cosa significa essere rifugista nell’Appennino

«Quella di RAM 2021 è stata un’occasione di convivialità, condivisione e di confronto sul patrimonio ambientalistico naturale abruzzese del quale andare fieri», spiega ancora Ricci.