Sentiero Italia CAI, è uscita la guida sulla Sardegna

A cura di Michele Tameni, è acquistabile da oggi sullo store online del Cai e nelle librerie specializzate. Vengono descritti i dettagli delle trenta tappe da Santa Teresa Gallura a Castiadas

Sos Nurattolos sentiero italia sardegna

Salendo nella macchia a Sos Nurattolos, sotto la Punta di Senalonga © Cai

Un volume che racconta le prime trenta tappe del Sentiero Italia CAI, per un totale di 598 km e 19.028 metri di dislivello. È disponibile da oggi sullo store online del Club alpino italiano e nelle librerie specializzate il volume 1 delle Guide ufficiali Sentiero Italia CAI, intitolato Sardegna. Da Santa Teresa Gallura a Castiadas.

SIC vol. 1 fronte sardegna

La copertina del volume 1 della collana Sentiero italia CAI

L’essenza più profonda della Sardegna

A cura di Michele Tameni, la nuova uscita della collana edita da Idea Montagna con la collaborazione del Cai racconta l’inizio dell’itinerario escursionistico che tocca tutte le regioni, conducendo il lettore dai colori della Gallura agli altipiani del Gennargentu. Luoghi la cui percorrenza è particolarmente indicata da ottobre ad aprile, per riscoprire l’essenza più profonda dell’isola, fuori dalle rotte più battute, immersi in una natura sorprendente. Montagne, articolate in dorsali, massicci e cime isolate, gole, cascate, macchie, stagni, foreste, lagune, dune e falesie costituiscono infatti un’enorme varietà di ecosistemi.

Foresta di Montes

La Foresta di Montes al tramonto © Cai

Un netto stacco dal turismo di massa

«Inizia con questo volume il nostro avventuroso viaggio escursionistico lungo il Sentiero Italia CAI», scrive nella prefazione Antonio Montani, Vicepresidente generale del Club alpino italiano e responsabile del Sentiero Italia CAI. «La prima grande sfida da affrontare nel nostro cammino è infatti la Sardegna. Essa risulta sicuramente essere, nell’entroterra, uno dei luoghi più selvaggi della penisola. Già dai primi chilometri risulterà evidente il netto stacco dalle zone del turismo di massa che, in estate, va a investire le coste dell’isola. Il sentiero, infatti, si addentra subito in un’aspra campagna, spesso sprovvista di punti di appoggio che, se da un lato desidera rimanere incontaminata, dall’altro non vede l’ora di poter fiorire, grazie al passaggio degli escursionisti che potranno quindi portare sostentamento agli sparuti abitanti».

Dopo aver attraversato la Sardegna da nord a sud, il Sentiero Italia CAI prosegue in Sicilia, risale lungo l’Appennino e percorre l’arco alpino da ovest a est per terminare a Muggia, nel Golfo di Trieste.