Toscana, in cammino alla scoperta dell’acqua

“7 itinerari dell’acqua per 7 giorni” è il progetto del Cai Firenze, finanziato da Publiacqua, che intende far riscoprire parte della natura, della storia e della cultura del territorio toscano. Online descrizioni, foto e tracce dei sette percorsi

TorrentePesa

Il torrente Pesa © Cai Firenze

«Una proposta per la valorizzazione culturale della risorsa idrica nei sui molteplici utilizzi». Il Cai Firenze definisce così il proprio progetto “7 itinerari dell’acqua per 7 giorni”, che ha partecipato al bando di Publiacqua dedicato all’ambiente “I cammini dell’acqua”.

ValleMuccione

In cammino nella Valle del Muccione

I cammini dell’acqua

Il bando, lanciato lo scorso anno, finanzia interventi di manutenzione di percorsi esistenti o di realizzazione di nuovi sentieri tematici per valorizzare il ruolo culturale, storico, naturalistico e antropologico che l’acqua riveste nello sviluppo delle comunità. Un ruolo da scoprire mediante un turismo di prossimità sostenibile per la tutela del nostro ambiente e territorio.
Il progetto del Cai fiorentino, che ha proprio questi intenti, è stato approvato e finanziato.

«Percorrere i “Cammini dell’Acqua” è riscoprire parte della storia e della cultura di un territorio», scrivono dalla Sezione. «Anche se oggi i cambiamenti climatici hanno portato all’abbandono degli impianti nei quali l’acqua era forza motrice, da sempre è intorno a questo bene così prezioso che si sono stabilite le popolazioni e sviluppata la civiltà».

Cascata-di-Calabuia_ValleSanGodenzo

La Cascata di Calabuia nella Valle di San Godenzo © Cai Firenze

I sette percorsi

I percorsi, come suggerito dal nome del progetto, sono sette. Si va dal Chianti fiorentino con l’Anello di Cintoia, alla Vallombrosa con i suoi boschi e le sue sorgenti; dalla parte più autentica e meno urbanizzata del percorso del torrente Pesa (da Sambuca al mulino di Patrazzo), alle cascatelle seminascoste del torrente Muccione nel Mugello; dal percorso lungo il torrente Agliena tra Tavarnelle e Barberino Val d’Elsa, alle cascate della valle di San Godenzo; fino ad arrivare alla vecchia via reggellese tra il Valdarno e il Pratomagno, lungo il torrente Resco.

Sul sito del Cai Firenze sono presenti le descrizioni dettagliate di ciascun percorso, corredate da foto e tracce scaricabili. Lungo i percorsi sono posizionate alcune targhette con il Qr Code che rinviano alle medesime descrizioni.

La video presentazione del progetto