In viaggio fra le Alpi del Sudovest

Sabato 8 ottobre si è svolto a Genova il convegno organizzato dal Gruppo Occidentale del Club alpino accademico italiano, dedicato all’affascinante e poco conosciuto mondo delle terre alte che vanno dal Monviso alle coste liguri

Corno Stella Marittime

Lo spigolo superiore del Corno Stella visto scendendo dal Monte Stella percorrendo la sella dell’Argentera © Bertubertu - Wikimedia Commons

Cosa sono le Alpi del Sudovest? Quale la loro essenza più vera? Forse la risposta più profonda e carica di significato arriva – come spesso accade quando si parla di montagna e di alpinismo, dalle parole di Gian Piero Motti, scalatore e scrittore di incomparabile sensibilità:

«Davanti al paesaggio dolomitico chiunque si sente di dire che è “bello”, come chiunque di fronte al versante meridionale del Bianco sa dire che è “grandioso e selvaggio”. Invece, percorrendo una qualsiasi valle delle Alpi piemontesi, non ti compare di fronte agli occhi nulla di così bello, nulla di così sconvolgente e grandioso. Ma se poi ti soffermi, se osservi, invece di guardare semplicemente, se vi ritorni con luci e ombre diverse, se ne segui il mutare dei colori nelle stagioni, con tutta facilità come per magia ed incanto ne scoprirai un mondo di bellezza riposta e nascosta che esplode in tutta la sua luminosità solo dopo un lungo approccio».

Proprio queste montagne dalla bellezza “riposta e nascosta” sono state al centro del convegno nazionale annuale del Club alpino accademico italiano, organizzato dal Gruppo Occidentale e svoltosi a Genova lo scorso sabato 8 ottobre, nella splendida Sala del Minor Consiglio del Palazzo Ducale, messa a disposizione dall’amministrazione comunale del capoluogo ligure.
L’incontro ha visto la presenza di oltre 170 partecipanti fra membri del Caai, rappresentanti delle sezioni del Club alpino e tanti altri esponenti dell’alpinismo italiano e internazionale, riuniti per raccontare il passato, il presente e il futuro della scalata fra le terre alte che vanno dal Monviso fino alle coste liguri.

«Questo convegno», ha detto Fulvio Scotto, presidente del Gruppo Occidentale, «vuole essere un viaggio che, a partire dai protagonisti di ieri e di oggi, evidenzi, soprattutto a chi poco le conosce, le tante possibilità che queste montagne offrono, sia per l’arrampicata estiva su roccia, sia d’inverno su ghiaccio e misto».

convegno Caai Genova

Il convegno del Caai a Genova © Serafino Ripamonti

Alpinisti italiani e francesi

In apertura dei lavori lo stesso Scotto, assieme a Matteo Faganello, ha acceso un riflettore sulla grande tradizione degli alpinisti nizzardi, protagonisti, sin dalle origini, della storia della scalata nelle Alpi del Sudovest. Porta infatti la firma del transalpino Victor De Cessole una delle prime grandi imprese compiute nelle Marittime, con la conquista del Corno Stella nel 1903.
Una tradizione poi proseguita con le belle imprese sul versante francese delle Alpi Marittime e delle Cozie meridionali, firmate da grandi nomi come il compianto Patrick Bérhault, e come Jean Gounand e Stéphane Benoist, anch’essi intervenuti al convegno.

È spettato poi a Michele Perotti e Cege Ravaschietto il compito di riportarci sul versante italiano delle Alpi, raccontando la storia degli alpinisti cresciuti fra le valli e le montagne cuneesi.

alessandro gogna - fulvio scotto - andrea parodi

Da sx: Alessandro Gogna, Fulvio Scotto e Andrea Parodi

I liguri, le donne alpiniste, i climber

Alessandro Gogna e Andrea Parodi hanno focalizzato invece l’attenzione sui tanti “lupi di mare ammaliati dai monti” nati in terra ligure. Una dettagliata panoramica storica in cui spiccano nomi illustri come quelli di Euro Montagna, Enrico Cavalieri e Gianni Calcagno, ma anche di tanti altri appassionati che, fra le montagne che si affacciano sul mare, hanno vissuto piccole e grandi avventure degne di essere ricordate.

Interessantissimo lo sguardo alle donne protagoniste del grande alpinismo fra queste montagne, tema su cui si è focalizzato l’intervento della giornalista e scrittrice Linda Cottino, coadiuvata da Alice Arata e Betty Caserini, due fra le più attive giovani scalatrici cresciute alpinisticamente in questo territorio.
È stata poi la volta di Giovannino Massari e Matteo Gambaro, testimoni della storia dell’arrampicata libera e sportiva, che, fra le pareti del sudovest, ha visto alcuni dei luoghi, delle tappe fondamentali della sua evoluzione e della sua interazione con l’evoluzione dell’alpinismo.

Infine, Anselmo Giolitti, Matteo Faganello e Massimo Piras hanno raccontato l’epopea della scalata invernale su ghiaccio e misto, una realtà oggi messa a dura prova dai cambiamenti climatici, ma che ancora, dalle vette del Mercantour alle alte vallate cuneesi, riserva agli appassionati la possibilità di ripercorrere itinerari ormai divenuti classici e di avventurarsi alla scoperta di nuovi terreni da esplorare.

platea convegno caai genova

La platea del convegno di Genova © Serafino Ripamonti

In ricordo di Gianni Calcagno e Roberto Piombo

Degna conclusione della giornata è stata la serata dedicata al ricordo di Gianni Calcagno e Roberto Piombo, i due grandi alpinisti liguri scomparsi trent’anni fa nel tentativo di ripetere in stile alpino la via Cassin allo sperone Sud del Denali, la vetta più alta del Nord America. Una vera e propria folla ha preso parte a questo appuntamento, reso ancora più emozionante dall’intervento del grande himalaysta Kurt Diemberger.