Proposte per lo sviluppo sostenibile della Marmolada

la SAT propone l’abbandono di ogni progetto di rilancio e potenziamento dello sci alpino

Unìimmagine del gruppo montuoso della Marmolada © Christian Ferrari

Nel 2015, assieme a Cai Veneto, Cai Alto Adige e AVS, la SAT ha preso posizione contro una strategia di sviluppo della Marmolada volta alla costruzione di nuovi impianti di risalita, denunciando il rischio di compromettere non solo l’integrità del ghiacciaio stesso, ma anche il riconoscimento delle “Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO”.

Un luogo fragile

A distanza di 6 anni e dopo un evento valanghivo eccezionale, avvenuto a dicembre scorso, «le ipotesi di sviluppo del versante settentrionale della Marmolada vertono ancora sul rilancio dello sci alpino», scrive il gruppo regionale. «Una strategia che pare prescindere non solo dalla evidente precarietà e delicatezza ambientale, accentuata dalla crisi climatica in atto, ma anche dai molteplici valori che la Marmolada racchiude e dai quali siamo convinti si debba partire per delineare una strategia alternativa volta a restituire alla Regina delle Dolomiti selvatichezza, fascino e identità», contonua la Sat

L’abbandono dello scialpinismo

A partire da queste premesse la SAT propone l’abbandono di ogni progetto di rilancio e potenziamento dello sci alpino, per recuperare la Marmolada quale luogo di elezione per l’alpinismo, nella sua accezione più alta di esplorazione, avventura, scoperta ma anche di ricerca naturalistica e storica. Senza dimenticare, la totale rimozione degli impianti ancora presenti sul versante settentrionale della Marmolada, inclusi quelli già dismessi e relativi resti.

La ricostruzione del rifugio Pian dei Fiacconi

Allo stesso tempo, la Società Alpinisti Tridentini propone anche la ricostruzione del rifugio Pian dei Fiacconi, in area a minor rischio valanghivo, per restituire ai frequentatori un importante punto di riferimento, per corsi di formazione e approfondimento delle tecniche alpinistiche ma anche dei valori ambientali e storici del luogo. Infine, è necessario dare attuazione ad un progetto di comunità volto alla gestione, ripristino, valorizzazione e promozione dell’area trentina della Marmolada, sull’esempio della proposta di Ecomuseo dell’Immaginario, già condivisa dall’amministrazione comunale uscente di Canazei, mettendo a valore i punti di forza già presenti: assieme al rifugio Pian dei Fiacconi, la Capanna Penia e il Museo della Guerra.

Il documento è stato approvato dal Consiglio Centrale della SAT nella seduta del 17 febbraio, dopo averlo condiviso con le Sezioni fassane: Moena, Pozza di Fassa e Alta Val de Fasha.