Una giornata dedicata alla manutenzione dei sentieri

In occasione della giornata nazionale dei sentieri, il Cai Reggio Emilia e il Cai Valfurva hanno organizzato una giornata dedicata al ripristino dei sentieri

Cai Reggio Emilia, i soci al lavoro © Cai Reggio Emilia

In occasione della giornata nazionale dei sentieri, il Cai Reggio Emilia e il Cai Valfurva hanno organizzato una giornata dedicata alla pulizia e alla manutenzione dei sentieri.

A disposizione per il ripristino dei sentieri

I soci della sezione reggiana si sono messi a disposizione per insegnare agli altri soci come fare la manutenzione dei sentieri. Una parte dell’iniziativa si è svolta anche nei giorni precedenti. Le squadre del Cai sono state impegnate in diversi sentieri dell’Appennino Reggiano, dalla collina al crinale. «Ricordiamo che il Cai, attraverso apposite convenzioni con i Comuni e il Parco Nazionale, cura tutto l’anno la manutenzione e la segnaletica di oltre 1000 km di sentieri nella Provincia di Reggio Emilia, grazie all’impegno disinteressato e alla competenza di circa 130 soci», scrive la sezione.

Alla giornata, ha partecipato anche un gruppo di Montagnaterapia: il progetto che vede affiancati il Cai e il Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’Azienda USL-IRCCS. Questo gruppo, guidato dai soci Mario Soncini ed Effrem Verona, ha operato sui sentieri della Val Tassobbio.

Allo stesso tempo, i soci della Sezione di Reggio Emilia e delle Sottosezioni di Scandiano, Novellara, “Cani Sciolti” di Cavriago e Cai Val d’Enza Geb per la giornata dei sentieri sono stati impegnati sul Sentiero Spallanzani e sul Sentiero dei Ducati, in val d’Asta a Monteorsaro, in Val d’Enza tra San Polo e Bibbiano, nella zona tra Selvapiana e Monchio delle Olle, tra Civago e Febbio sul Sentiero dei Pastori, tra Primaore e Piolo sul Sentiero 621 e in Val Tassobbio.

«Oggi è stata una bellissima giornata – spiega il responsabile della Commissione Sentieri del Cai, Elio Pelli, ma non possiamo dimenticare che l’impegno per la manutenzione sentieri è sempre più gravoso, anche per i lunghi periodi di inattività causati dalle disposizioni anti Covid. Anche in questa giornata abbiamo constatato diversi interventi degli “odiatori” dei sentieri. Per questo – l’attività di cura dei sentieri è sempre più impegnativa, e comporta una maggiore frequenza di controllo e monitoraggio».

Il ripristino della transitabilità

Anche il Cai Valfurva ha aderito alla giornata nazionale dei sentieri. Organizzata il 30 maggio, l’iniziativa è nata per promuovere la conoscenza la cultura del  territorio attraverso la manutenzione e la pulizia dei sentieri della montagna furvese. «La giornata si è svolta in mattinata sul sentiero che da localita’ I Sel a S.Caterina Valfurva porta a vari alpeggi della Valle fino a Baite Confinale e poi scende a S.Gottardo Valfurva», fanno sapere dalla sezione.
L’obiettivo principale è il ripristino della transitabilità: sono stati rimossi i rami e gli alberi caduti a causa delle ultime nevicate. I soci, divisi in varie squadre, distanziate fra di loro e muniti di  mascherine a causa della pandemia di Covid 19 hanno ripristinato circa 11 km di sentiero.

I soci del Cai Valfurva, al lavoro per ripristinare la transitabilità © Cai Valfurva