Crisi climatica, quattro incontri online con il Cai

A giugno e a settembre il Comitato scientifico veneto, friulano e giuliano partirà dalla crescente sensibilità all'interno della nostra società su questo tema. I relatori saranno otto tra i massimi esperti sull'argomento

Terra Crisi Climatica

Quattro incontri online sui cambiamenti climatici a giugno e a settembre, nel corso dei quali interverranno otto tra i massimi esperti sull’argomento.
Questo quanto organizzato dal Comitato scientifico veneto, friulano e giuliano del Cai, che nella presentazione dell’iniziativa cita un recente sondaggio dell’Undp (Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo) sulla percezione dei cittadini rispetto alla crisi climatica (un milione e 220mila partecipanti di cinquanta Paesi).

«I risultati dimostrano che l’umanità ha realizzato quanto i disastri provocati dal cambiamento climatico siano gravi (lo pensa il 64% degli intervistati). Si percepisce la voglia di azione: in otto Paesi su dieci con le maggiori emissione di CO2 dal settore dell’energia, la maggioranza assoluta delle popolazioni sostiene il passaggio alle fonti rinnovabili. Con l’81% degli interpellati consapevoli della serietà dell’emergenza, i cittadini italiani sono i più sensibili tra i 50 paesi».

locandina cambiamenti climatici 2021

La crisi climatica da punti di vista differenti

I quattro incontri si terranno il 17 e 18 giugno e il 16 e 30 settembre 2021.

«Ogni incontro durerà 1,5 ore. Saranno presenti due relatori ed un moderatore. I due relatori discuteranno del tema “Cambiamenti climatici” partendo da punti di vista diversi, così da sollecitare una analisi critica e un dibattito sul tema. A una introduzione di 20 minuti per ciascun relatore seguiranno altri 30 minuti di discussione moderata da un rappresentante del Cai che da anni segue e si occupa del tema. Gli stessi esperti si rivolgeranno al collega per approfondire aspetti che interessano tutti, con domande incrociate, approfondimenti brevi magari accompagnati con l’ausilio di immagini e video. Nel corso degli ultimi 20’ sarà lasciato spazio anche alle domande dei partecipanti».

Gli esperti citati sono Luca Mercalli (climatologo e divulgatore scientifico), Sergio Nordio (meteorologo), Enrico Camanni (scrittore di montagna), Renato R. Colucci (glaciologo del Cnr), Nicola Armaroli (chimico del Cnr esperto di transizione energetica), Maurizio Fermeglia (docente di progettazione nel campo ambientale ed energetico), Anne Chapuis (geologa francese esperta glaciologa) e Filippo Giorgi (climatologo, unico membro italiano dell’organo esecutivo dell’Ipcc al tempo in cui l’organo prese il premio nobel per la pace).

Per gli Onc del nord-est partecipazione valida come aggiornamento

Per gli Operatori naturalistici e culturali di 1° livello del Cai dell’area Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige, la partecipazione al convegno è considerata valida come corso di aggiornamento, previa iscrizione.

Per tutte le informazioni e le modalità per partecipare clicca qui.